Menu Content/Inhalt
Home arrow Orizzonte Ricerca arrow Fumo “maschilista”: alle donne fa più male

Fumo “maschilista”: alle donne fa più male PDF Stampa E-mail

 Anni di dura lotta per ristabilire la parità, per poi scoprire che anche il fumo fa differenza tra donne e uomini.

Lo dicono gli scienziati riuniti nei giorni scorsi a Lugano per la Conferenza europea multidisciplinare di oncologia toracica nel corso della quale sono stati presentati diversi studi che si muovono in questa direzione. Insomma, stando alle ultime che arrivano dalla Svizzera, le sigarette fanno più male al gentil sesso, che risulta ammalarsi prima di patologie correlate al fumo. Per la verità la notizia è in linea con ricerche precedenti che hanno appunto mostrato questa strana “antipatia” delle sigarette verso le donne. Un team di ricercatori svizzeri ha preso in esame la situazione di oltre 600 pazienti ricoverati tra il 2000 e il 2005 nel centro oncologico di St. Gallen, scoprendo che le signore accusano in maniera diversa i danni provocati dal fumo, benché in media fumino meno degli uomini. Come a dire che le donne hanno poca “resistenza” al fumo di sigaretta, soprattutto per quanto riguarda il cancro.
Tuttavia, le signore che si sottopongono agli interventi chirurgici per rimuovere un tumore ai polmoni reagiscono meglio rispetto agli uomini, riportando una sopravvivenza media di 4,7 anni rispetto ai due anni scarsi degli uomini.
Differenze a parte, una cosa è certa: il fumo fa male a tutti.

 
< Prec.   Pros. >
Scarica con il tasto destro il video Moli-sani
Moli-sani