Menu Content/Inhalt
Home arrow Orizzonte Ricerca arrow Pancreatite: maglia nera per il fumo, l’alcol si salva grazie alla moderazione

Pancreatite: maglia nera per il fumo, l’alcol si salva grazie alla moderazione PDF Stampa E-mail

 Pancreatite: fumo e alcol finiscono sul banco degli imputati, ma questa volta la condanna assoluta se la becca solo la sigaretta.

Un team di ricercatori americani dell’università Pittsburgh è andato a vedere se il fumo di sigaretta e il consumo di alcol avessero la stessa responsabilità nell’insorgenza della pancreatite cronica e acuta, una seria patologia che provoca un forte stato di infiammazione a livello del pancreas. Nell’ambito dello studio NAPS, gli scienziati hanno reclutato 540 pazienti con pancreatite cronica, 460 con pancreatite acuta e 695 persone sane che sono servite da controllo, il tutto nell’arco di sei anni. Dopo aver somministrato una serie di questionari per stabilire il consumo di alcol e la quantità di sigarette fumate ogni giorno, i ricercatori hanno suddiviso la popolazione studiata in differenti classi, dagli astemi fino al vertice della scala, dove si trovano i bevitori molto forti. Stesso discorso per i fumatori, suddivisi per numero di pacchetti fatti fuori ogni giorno, oppure all’anno in base all’intensità del vizio. I risultati dello studio finiscono per scagionare l’alcol, ma solo se assunto in moderazione.
“Il nostro studio- fanno sapere gli autori del lavoro pubblicato sulla rivista Archives of Internal Medicine- è il primo a dimostrare che un aumento significativo del rischio di pancreatite si verifica solo se si consumano 5 o più dosi di alcol al giorno”. In pratica, per i ricercatori l’alcol può rientrare nella rosa degli indiziati ma solo se viene consumato in maniera eccessiva. Per il fumo invece è tutta un’altra storia. La sigaretta è stata riconosciuta come un fattore di rischio dose-dipendente, che tradotto significa che il fumo è sempre associato all’insorgenza della patologia anche in piccole quantità. Poche sigarette al giorno contribuiscono in maniera minore alla malattia, ma c’entrano sempre. Mentre l’alcol a basse dosi, quello assunto secondo i principi della sana moderazione, non giocano nessun ruolo nella pancreatite. In questo modo, la ricerca contribuisce a sdoganare false credenze, quelle cioè che conferiscono all’alcol in ogni caso una parte da protagonista nell’insorgenza della patologia.

Leggi qui l'abstract della ricerca in inglese

 
< Prec.   Pros. >
Scarica con il tasto destro il video Moli-sani
Moli-sani