Menu Content/Inhalt
Home arrow Orizzonte Ricerca arrow Stop al fumo. E i baristi scozzesi tornano a respirare

Stop al fumo. E i baristi scozzesi tornano a respirare PDF Stampa E-mail

 Toccare per credere. Agli scettici sul divieto di fumo nei luoghi pubblici la ricerca risponde con i fatti. Uno studio condotto tra i baristi scozzesi dimostra infatti che la legge antifumo produce benefici notevoli per la salute.

I ricercatori delle Highlands hanno tenuto sotto controllo la salute di quasi 400 baristi reclutati in una settantina di bar, da prima che la legge entrasse in vigore, nel marzo del 2006, fino ai due mesi successivi, ripetendo poi i controlli anche dopo un anno. Gli indicatori di salute presi in considerazione dal team guidato da Jon Ayres sono stati la funzione respiratoria e altri sintomi, come l’arrossamento degli occhi, la gola infiammata o il catarro. Dopo un anno di “aria pulita”, la situazione dei baristi è cambiata radicalmente. Quelli che all’inizio dello studio riportavano problemi respiratori sono passati dal 69 al 57 percento, così come riduzioni si sono verificate anche per gli altri sintomi. Ma non sono solo i fumatori “passivi” a stare meglio. A trarre beneficio da una normativa che ormai si è lasciata alle spalle le feroci polemiche che l’hanno accompagnata agli esordi sono anche gli amanti della sigaretta.
“I baristi- fanno sapere gli autori della ricerca che viene pubblicata oggi sul sito della rivista scientifica Occupational and Environmental Medicine - riportano meno sintomi respiratori un anno dopo l’entrata in vigore della legge antifumo. Questi miglioramenti, considerati alla luce delle variazioni stagionali, sono stati riscontrati sia nei non fumatori che nei fumatori e indicano che gli ambienti liberi da fumo possono davvero comportare importanti benefici anche per i fumatori”.

Leggi qui l'abstract della ricerca in inglese

 
< Prec.   Pros. >
Scarica con il tasto destro il video Moli-sani
Moli-sani